Alcune indicazioni su come risparmiare energia elettrica: il controllo dei consumi è fondamentale per consentire un notevole risparmio in termini economici e di energia, secondo quella che è la tendenza attuale, lanciata dalla Comunità Europea e dai vari governi nazionali e legata al rispetto dell’ambiente e a una certa attenzione agli sprechi.

come-risparmiare-energia

Anche se non si direbbe ci sono alcuni nostri atteggiamenti quotidiani e abitudini che, se sommate, generano un enorme spreco in termini di energia elettrica.
Immaginiamo, per esempio, la messa in funzione dei riscaldamenti: la nostra casa sicuramente impiegherà più tempo a riscaldarsi o comunque si raffredderà in fretta se non facciamo attenzione alla chiusura delle finestre, oppure se i nostri infissi generano i celebri spifferi, piccoli passaggi d’aria che non consentiranno ai termosifoni di dimostrare tutta la loro efficienza.

Per non parlare di una lavatrice che, oltre ad essere messa in funzione senza essere piena, viene accesa in fasce orarie qualsiasi, senza fare attenzione a quelle definite a risparmio energetico, che si traducono anche in fasce di prezzo inferiori con notevole incidenza sulla nostra bolletta.
È facile capire che ci sono dei comportamenti che, uniti a una scelta poco consapevole o errata dei nostri dispositivi elettrici, non ci consentono di risparmiare energia e, anzi, contribuiscono a inutili sprechi.

Come risparmiare energia elettrica: partiamo dalle basi

Per risparmiare energia elettrica possiamo partire dalla valutazione delle nostre abitudini e della conformazione della nostra casa:

  • sappiamo in quali fasce orarie gli elettrodomestici consumano meno?
  • abbiamo fatto attenzione alla presenza di spifferi?
  • chiudiamo le finestre con i riscaldamenti in funzione?
  • il nostro edificio è sufficientemente isolato a livello termico?
  • lasciamo spesso gli elettrodomestici, come la tv, in modalità stand by?
  • svolgiamo le normali attività di manutenzione?

Rispondere a queste domande ci potrà aiutare a capire se possiamo fare di più per risparmiare energia elettrica con semplici accorgimenti, per arrivare a un livello di risparmio che, secondo alcune stime, giunge addirittura fino al 40%.

Come risparmiare energia elettrica: la scelta degli elettrodomestici

Passiamo a questo punto alla scelta degli elettrodomestici, per i quali bisogna innanzitutto definire destinazione d’uso e modalità d’uso. A questo punto il fattore da tenere in considerazione riguarderà chiaramente la classe energetica di appartenenza (dalla A alla G, da quella a basso consumo a quella ad alto consumo).
Ricordiamo che nel caso dei condizionatori sono state appena introdotte nuove classi energetiche che individuano altri livelli in termini di prestazioni tra i modelli migliori in termini di risparmio energetico (A+, A++, A+++).

   

Contattaci per Maggiori informazioni su Come risparmiare energia elettrica: alcuni consigli [contact-form-7 404 "Not Found"]
Contattaci via telefono